Weekend fuori porta

Weekend fuori porta

Venerdì siamo partiti alle 8 per un weekend fuori porta. Abbiamo trovato solo un po ‘ di coda a Milano, per il resto tutto liscio. Siamo arrivati a San Marino per pranzo, e dopo aver parcheggiato, siamo saliti nel centro storico. Abbiamo mangiato nel ristorante La terrazza, per un pranzo con vista piazza e colline. Dopo il nostro pranzo abbiamo visitato la città e fatto diverse foto. C’è un belvedere da cui potrete ammirare le colline, il mare e le torri. Tempo impiegato per il giro circa 3 ore. Ridiscesi, abbiamo guidato verso il nostro hotel marchigiano a Granarola.  Dopo la sistemazione abbiamo visitato Gradara per poi tornarci l’indomani per visitare il castello, ormai già chiuso, abbiamo in compenso assistito a un ottimo tramonto.

Avendo voglia di una cena leggera, ci siamo avviati verso Cattolica. Qui abbiamo fatto una passeggiata lungo la spiaggia, con il sole che ancora non era andato giù del tutto. Michonne ne ha approfittato per correre libera sulla sabbia. Dopo questa sua corsetta, siamo entranti in uno dei tanti bar-piadineria del lungo mare dove abbiamo gustato delle ottime piadine. Qui il confine tra Marche ed Emilia-Romagna è molto labile, infatti si può facilmente passare da una regione all’altra. Stanchi della nostra giornata, dopo la nostra cenetta siamo tornati in Hotel per una doccia e una lunga dormita.

 

Gradara e il nostro hotel

L’hotel Castello in cui abbiamo alloggiato è davvero incantevole. Il castello è avvolto da un’atmosfera di magia e tranquillità. È ottimo per chi ama la natura e il canto degli uccellini che ti svegliano al mattino. Le stanze che possiede sono tutte diverse e caratterizzate ciascuna da un tema diverso. La nostra era la stanza “I semi”. Su richiesta, potete assaporare la dolce colazione a bordo piscina o in camera. CI sono un ampio parcheggio gratuito per l’auto, piscina e biblioteca compresi nel prezzo. Il personale è molto gentile e l’ambiente davvero accogliente. La stanza era molto pulita, il bagno caldo e confortevole e il letto davvero comodo.
Dopo la nostra dormita e la colazione a bordo piscina, ci siamo recati alla Rocca di Gradara per visitarla. I cani di piccola taglia possono entrare, senza problemi, se messi all’interno di un trasportino. C’è la possibilità di fare un biglietto combinato con il Palazzo Ducale di Urbino, necessariamente da usare entro 6 giorni dalla data della visita alla Rocca. Abbiamo pagato il biglietto ridotto studenti 5 euro a testa. Ho anche fatto la foto ai prezzi per darvi maggiori dettagli, ma la signorina della biglietteria, mi ha poco gentilmente detto che tanto i prezzi sarebbero cambiati proprio il giorno dopo. In ogni caso, eccoli qui: sono per la Rocca 6 euro intero e 3 il ridotto, rocca e camminamenti 7 euro e 4 euro, rocca di Gradara e Urbino 10 euro intero e 5 ridotto. Orari lunedì 8.30-14.00, dal martedì alla domenica e Festivi dalle 8.30 alle 19.15. consiglio sempre di controllare orari e prezzi sul sito ufficiale della struttura. C’è anche la possibilità di fare i camminamenti di ronda.

La Rocca di Gradara è conosciuta anche come il palazzo di Paolo e Francesca. Proprio a questo infatti Dante si ispirò per la sua tanto Odiata e Amata Divina Commedia. Per chi, come me, ha la passione dell’Inferno dantesco, visitare le stanze dei due giovanotti che hanno suscitato tanto scalpore è un’emozione unica; quelli che invece non la amano dovranno portare pazienza 😊.

Urbino

Successivamente, ci siamo spostati a Urbino per visitare il Palazzo Ducale, nel quale sono conservate due opere che tanto volevo vedere. Mi piace molto ammirare le opere studiate al Liceo. Avendo fatto il biglietto combinato, abbiamo saltato la coda della biglietteria per iniziare subito la nostra visita. Michonne sempre all’interno del suo trasportino. Dopo circa un paio d’ore abbiamo terminato la nostra visita; iniziavamo a sentire un certo languorino. Abbiamo optato per un ottimo ristorante, scelto tramite Tripadvisor, ubicato proprio davanti a Palazzo Ducale, che fortuna! Il ristorante Il Cortegiano offre diversi piatti tipici della tradizione locale, il cibo di ottima qualità, i prezzi modici e soprattutto il personale molto gentile e preparato. Non abbiamo avuto nessun problema nemmeno per la nostra cagnolina. Dopo il pranzo abbiamo passeggiato lungo le vie di Urbino, magnifica cittadella ricca di storia.

Il resto del giro

Dopo il fallimento della visita alle gole del Furlo, causa strada franata, abbiamo optato per la visita di tre altri paesini. Il primo, sulla strada, è stato Fermignano, città fondata dai romani. Il giro impiega 15 minuti, in quanto è davvero molto piccolo. Noi ci siamo fermati per qualche foto e poi siamo ripartiti verso Sassocorvaro.
Prima di salire in paese potete godervi il lago artificiale, facendo una passeggiata lungo il sentiero. Noi ci siamo fermati per sgranchirci le gambe e fare qualche foto, dopodichè siamo saliti in paese per un caffè. Di qui potrete godere di una vista eccezionale sulla diga.
Risaliti in macchina, è la volta di Macerata Feltria, uno dei borghi più belli d’Italia. Preparatevi a camminare un po’, in salita. La visita impiegherà non molto tempo, anche questa cittadina è davvero piccolina, ma merita una visita.
La giornata si è poi conclusa con qualche foto e video del castello di Gradara al tramonto, si lo so di nuovo 😊 e un gelato a Riccione.

Il giorno dopo sveglia con calma e partenza verso casa. Ci siamo fermati a Modena, dove abbiamo visitato il duomo e mangiato delle ottime tigelle. Rimontati in macchina, abbiamo ancora fatto un’ultima fermata: i nipotini e la sorella a Reggio Emilia 😊. Dopo un saluto veloce, causa stanchezza, ci siamo diretti a casa dove abbiamo riposato fino al giorno dopo.

Nessun commento

Scrivi un commento